di pesce, Minestre e zuppe, Primi piatti, ricetta

Zuppa di cozze in bianco

Siamo a Maggio e con questo mese inizia il periodo più favorevole per il consumo delle cozze nere e dei molluschi in generale, scorcio temporale che si prolunga fino a settembre. In realtà i mitili si trovano tutto l’anno e le eventuali défaillance quantitative vengono coperte dall’importazione di cozze nere spagnole belle d’aspetto, voluminose per contenuto ma dal sapore a mio avviso meno incisivo.

Questi gustosi molluschi sono abbastanza versatili in cucina ed entrano come ingrediente in svariate ricette spesso abbinati ad altre specie ittiche. Chi come me ama i primi a base di frutti di mare normalmente le sfrutta per creare un condimento in bianco o appena sporcato di salsa di pomodoro in modo da assaporare ottime spaghettate. Anche in quest’occasione l’acquisto l’ho fatto per risolvere la cena con un bel piatto di spaghetti ma visto che il pranzo era stato piuttosto corposo… ho cambiato strada puntando a una zuppa, preparazione più leggera che non appesantisce senza per questo rinunciare al sapore.

La zuppa è un piatto sicuramente meno impegnativo ma al contempo soddisfacente perché saporito, piccante al punto giusto e che viene ben accompagnato da fette di pane casereccio lievitato con pasta madre e cotto nel forno a pietra. Devo fare un po’ di chilometri per acquistarlo ma vivaddio mi dura una settimana senza diventare gommoso e indigeribile nel giro di poche ore come accade con quello della massima parte dei panifici, carico di lievito di birra in modo da infornare in tempi brevi e ravvicinati.

Gli ingredienti della zuppa sono basici: aglio, prezzemolo, semi di finocchio e buccia di limone bio per profumarla, olio d’oliva e 500 g di cozze nere a commensale. Se piace, aggiungete un piccolo peperoncino rosso secco che donerà un rivitalizzante tocco di piccantezza. Com’è facile immaginare nella preparazione di questa zuppa quasi tutto il tempo si perde per eliminare le alghette che rivestono il guscio delle cozze e per strappare il filo di bisso, però se avete la fortuna di acquistare mitili abbastanza puliti in un’oretta al massimo ci si siede a tavola.

 

 

Con questa zuppa di cozze appena piccante, profumata e succulenta io vi consiglio un bianco da uve Inzolia o un blended come Sicilia IGT Insolia e Chardonnay “CALANICA” delle cantine Duca di Salaparuta, fermo restando che un buon Fiano o un Vermentino di Gallura saranno comunque ottime scelte.

Zuppa di cozze in bianco

Di ropa55 Pubblicata: 16 Maggio, 2015

  • Resa: 4 Persone servite
  • Preparazione: 60 minuti
  • Cottura: 30 minuti
  • Pronta In: 1 ora 30 minuti

Sta volta niente spaghettata ma una zuppetta di cozze nere più leggera ma egualmente saporita.

Ingredienti

Istruzioni

  1. Eliminate il bisso e raschiate bene il guscio delle cozze fino a ripulirle da tutte le alghette che vi sono adese.
  2. Preparate gli odori, unica accortezza pestate i semi di finocchio.
  3. Versate l'olio in padella con gli odori e quando iniziate a sentire il profumo unite le cozze.
  4. Sfumate il vino e man mano che le cozze si aprono toglietele dalla padella e tenetele da parte in modo che non si asciughino troppo.
  5. Continuate a far sobbollire il sugo fino a far scomparire ogni sentore d'alcool , poi filtrate il fondo.
  6. Travasate il tutto in una casseruolina di coccio da porzione che si possa portare a tavola e grattugiate nella zuppetta un pò di scorza di limone bio.
  7. Servite caldo ma non bollente con fette di pane casereccio.