Antipasti caldi, Contorni, Piatti unici, ricetta

Fave fresche stufate con cipollotto

Quando appaiono le prime fave fresche significa che la primavera è arrivata. Per la verità è già da più di un mese che le vedo in giro, probabilmente si sono potute raccogliere con un certo anticipo a causa delle temperature clementi dell’inverno appena trascorso. Ancora non ne avevo acquistate perché le primizie le guardo sempre con un certo sospetto infatti l’assaggio fatto sulle prime cassette è stato deludente, i legumi presentavano buccia astringente e polpa senza dolcezza ma piuttosto segnata da un forte sapore amarottico ed erbaceo. Ho lasciato trascorrere qualche settimana e finalmente l’assaggio a crudo s’è rivelato soddisfacente quindi per iniziare la “stagione” ho deciso di preparare le fave fresche stufate rosolandole con del cipollotto novello. Il piatto si richiama a una cucina tradizionale e contadina quando di carne da consumare a tavola era poca e appariva assai raramente. Si dovevano di conseguenza ricavare le proteine e glucidi dai legumi imbandendo piatti unici saporiti e di basso costo, ma capaci di saziare tutta la famiglia e le fave sia fresche nel periodo primaverile estivo, sia secche in quello invernale si prestavano perfettamente allo scopo. In quest’ottica le prime sono grandi fornitrici di vitamine e sali minerali apportando comunque più di 5 g di proteine su 100 g mentre le seconde essendo molto disidratate concentrano in modo molto intenso tutti i nutrienti. Ritornando alle nostre fave fresche stufate con cipollotto novello per prepararle bastano tre ingredienti ovvero del buon olio d’oliva extravergine dal sapore intenso, le fave e il bianco di qualche cipollotto fresco, poi s’insaporisce con sale e pepe nero grattato al momento e non ci occorre altro. Stufare le fave è semplice dopo averle fatte rosolare con l’olio e il cipolotto affettato sottile si aggiunge poco liquido, si abbassa la fiamma al minimo e si cuoce a pentola coperta fino ad ammorbidirle totalmente. Date ogni tanto un’occhiata a evitare che il fondo asciughi troppo, in questo senso sarete molto favoriti usando una pentola di coccio che mantiene e distribuisce il calore in modo uniforme anche con un minimo di fiamma, in alternativa alla terracotta adoperate una casseruola d’acciaio con un fondo molto spesso e lo spargifiamma. La cottura delle fave fresche stufate con cipollotto novello dura una quarantina di minuti circa, però molto tempo si perde per sgusciarle e togliere il piccolo germoglio che se lascito tende rendere un po’ amarottico il piatto. Questa ricetta si presta a usi molteplici, servita in dose contenuta con qualche piccolo panino croccante è un gradevole antipasto ma risulta ottima come piatto unico e potete utilizzarla anche come contorno a secondi di carne.

 

 

Come abbinamento pendendo in considerazione le fave fresche stufate con cipollotto novello in purezza io vi consiglio uno chardonnay siciliano di casa Planeta oppure il Kaid sauvignon dell’azienda Alessandro di Camporeale, se usato come contorno il vino dovrà essere adeguato alla portata principale.

Fave fresche stufate con cipollotto novello

 

 

 

Fave fresche stufate con cipollotto novello

Di ropa55 Pubblicata: Aprile 17, 2016

  • Resa: 4 Persone servite
  • Preparazione: 60 minuti
  • Cottura: 40 minuti
  • Pronta In: 1 ora 40 minuti

Le fave fresche stufate con cipollotto novello sono molto gustose e potete usarle in svariati modi. Sono un ottimo antipasto, un saporito contorno e in giusta dose diventano un vero piatto unico.

Ingredienti

Istruzioni

  1. Sgusciate le fave ed eliminate il germoglio da ogni seme.
  2. Affettate finemente il cipollotto novello.
  3. Rosolatelo con l'olio poi unite le fave e fatele insaporire 3-4 minuti. Aggiungete il liquido, incoperchiate e fate cuocere fiamma bassa.
  4. Fate asciugare quasi totalmente il fondo e spegnete quando le fave saranno ben ammorbidite.
  5. Servitele da sole come piccolo antipasto.
  6. Molto buone anche come contorno ad un piatto di cotolette.